• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/01496 BATTISTA, BIGNAMI, CAMPANELLA, CASALETTO, DONNO, FUCKSIA, MOLINARI, MONTEVECCHI, PUGLIA - Ai Ministri dell'interno e del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che: l'Unione...



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 056
all'Interrogazione 4-01496

Risposta. - Il Ministero assegna 2 tipi di contributi annuali in tema di provvidenze a sostegno delle persone non vedenti: il primo tipo specificamente destinato all'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (Uic), ai sensi della legge n. 24 del 1996; il secondo tipo liquidato all'Uic medesima, con vincolo di destinazione all'Istituto per la ricerca, la formazione e la riabilitazione (Irifor) e all'Istituto europeo ricerca, formazione, orientamento professionale (Ierfop), secondo quanto disposto dalla legge n. 379 del 1993.

A legislazione vigente (art. 1 della legge n. 379 del 1993), quest'ultimo tipo di contributo è ripartito annualmente dall'Uic, sulla base dei programmi e dell'organizzazione sul territorio dei 2 istituti. Come indicato, infatti, la previsione normativa riguardante la ripartizione in parti uguali del contributo assegnato con vincolo dl destinazione agli istituti Irifor e Ierfop è stata abrogata. Per l'effetto, la ripartizione delle quote è stata ricondotta in capo all'Uic e sui criteri di ripartizione è tuttora pendente un contenzioso promosso da Ierfop.

Per il 2013, si è provveduto alla ripartizione tra i 2 istituti di un importo complessivo pari a 810.065 euro. Per il 2014, il contributo è stato quantificato in 778.954 euro complessivi. Appare opportuno evidenziare altresì che, con la legge di stabilità per il 2014, è stato stanziato un ulteriore contributo, complessivamente stabilito in 6.331.245 euro, destinato all'Uic ai sensi delle leggi n. 282 del 1998 (per la gestione del Centro nazionale del libro parlato), n. 370 del 1993 e n. 24 del 1996.

Infine, si rappresenta che l'eventuale modifica degli attuali criteri di ripartizione dei contributi potrà essere oggetto di valutazione ed iniziativa in sede parlamentare.

MANZIONE DOMENICO Sottosegretario di Stato per l'interno

22/09/2014