• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03340 in vista dell'inizio dell'anno scolastico 2014-2015 si stanno riproponendo in diversi comuni della regione Emilia Romagna, i soliti problemi connessi all'accesso al tempo pieno nelle scuole...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 13 novembre 2014
nell'allegato al bollettino in Commissione VII (Cultura)
5-03340

L'Onorevole interrogante chiede di incrementare il numero dei posti di tempo pieno nelle scuole primarie della Regione Emilia-Romagna, con particolare riferimento a quelle dei Comuni di Budrio e Mezzolara.
Premetto che obiettivo di questo Ministero è potenziare la forma educativa del tempo pieno anche in considerazione del fatto che esso costituisce un utile sostegno ai genitori lavoratori. Non a caso, come emerge dal Rapporto «La buona scuola», ancora oggetto di consultazione pubblica, grazie all'avvio dell'organico funzionale si propone il potenziamento del tempo pieno della scuola primaria.
Ciò posto, con riferimento alla situazione evidenziata dall'Onorevole interrogante, segnalo che, a seguito di un notevole aumento di alunni registratosi per quest'anno scolastico, il Ministero ha assegnato all'Emilia-Romagna 396 posti in più rispetto all'anno precedente. Ciò vuol dire che, in organico di diritto, si contano 38.850 posti.
Una volta definiti i contingenti per provincia, gli Uffici di Ambito territoriale hanno provveduto alla ripartizione dei posti complessivamente conferiti ai diversi gradi di scuola fra le istituzioni scolastiche di competenza, prima sulla base dei dati e delle proposte trasmesse dai dirigenti scolastici, poi attraverso conferenze di servizio e/o interlocuzioni individuali. Sempre col coinvolgimento delle Amministrazioni locali e delle Organizzazioni sindacali territoriali.
Solo per la scuola primaria si registra un aumento di 142 posti.
Relativamente alla provincia di Bologna, su cui si concentra l'interesse dell'Onorevole interrogante, a livello di scuola primaria, si registrano 38 posti in più. Ciò ha comportato un ampliamento dell'offerta formativa di numerose scuole con la possibilità di estendere l'orario settimanale di lezione proprio per soddisfare le esigenze rilevate dall'onorevole interrogante. Si contano infatti 1112 classi a tempo pieno per quest'anno scolastico, ovvero 13 classi in più del precedente.
Nello specifico, per quanto concerne l'istituto comprensivo di Budrio, è stata autorizzata una classe in più a tempo pieno nel plesso di Mezzolara, così soddisfacendo le richieste delle famiglie di 16 alunni frequentanti la seconda classe della scuola primaria.
Inoltre, alla Direzione Didattica di Budrio è stato assegnato un ulteriore posto, ampliando l'offerta formativa della scuola al fine di consentire agli alunni, richiedenti il tempo pieno, di frequentare una delle tre classi prime a tempo pieno nel plesso «Fedora Servetti Donati» di Budrio.