• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/03253 BARANI - Ai Ministri della difesa, per la semplificazione e la pubblica amministrazione e della salute - Premesso che: con il decreto legislativo 28 settembre 2012, n. 178, modificato...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-03253 presentata da LUCIO BARANI
mercoledì 14 gennaio 2015, seduta n.376

BARANI - Ai Ministri della difesa, per la semplificazione e la pubblica amministrazione e della salute - Premesso che:

con il decreto legislativo 28 settembre 2012, n. 178, modificato con l'art. 4 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, è stata disposta la "Riorganizzazione dell'Associazione italiana della Croce Rossa";

a decorrere dal 1° gennaio 2015, le funzioni esercitate dalla Croce rossa italiana, ad oggi ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico, sono trasferite alla costituenda associazione della Croce rossa italiana (persona giuridica di diritto privato ai sensi del libro primo, titolo II, capo II, del codice civile);

con la finalità di concorrere temporaneamente allo sviluppo dell'associazione, dal 1° gennaio 2015, l'ente pubblico CRI assumerà la denominazione di «Ente strumentale alla Croce Rossa italiana» e, fino alla data della sua liquidazione (1° gennaio 2017), le funzioni esercitate saranno trasferite alla costituenda associazione della Croce rossa italiana (con personalità giuridica di diritto privato),

si chiede di sapere:

con quali fondi l'Ente strumentale alla Croce rossa italiana intenda affrontare l'onere finanziario, quantificabile in non meno di 35 milioni di euro, connesso alla liquidazione, nell'anno 2015, del trattamento di fine servizio dei 700 militari della CRI (eccedenti all'esigenza di 300 unità di personale militare previste dall'art. 5, comma 6, del citato decreto legislativo n. 178 fino al 31 dicembre 2016) che transiteranno nei ruoli civili della CRI per essere poi posti in mobilità già dal 2015;

se il Governo non ritenga opportuno sospendere l'attuazione del decreto legislativo n. 178 del 2012 inquadrando il personale militare CRI, già in servizio attivo, in un contingente speciale ad esaurimento, consentendo quindi un notevole risparmio per la finanza pubblica per l'anno 2015 e, ai militari CRI in servizio, il raggiungimento dell'età pensionabile senza interruzione traumatica del rapporto di lavoro.

(4-03253)