• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/04478 è notizia di questi giorni che alcune ditte di soccorso stradale ACI hanno intrapreso una vertenza legale nei confronti della Società ACI Global s.p.a. fronte della mancata sottoscrizione...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-04478presentato daSPESSOTTO Ariannatesto diGiovedì 15 gennaio 2015, seduta n. 363

SPESSOTTO. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti . — Per sapere – premesso che:
è notizia di questi giorni che alcune ditte di soccorso stradale ACI hanno intrapreso una vertenza legale nei confronti della Società ACI Global s.p.a. fronte della mancata sottoscrizione dell'accordo-quadro proposto da ACI Global da parte degli stessi centri delegati, in ragione di numerose criticità lamentate dai suddetti centri, tra cui il ritardo nella sottoposizione dei nuovi accordi contrattuali;
oltre 150 centri delegati ACI Global, costituenti la rete di soccorso agli automobilisti sull'intera rete autostradale italiana, si sono pertanto rifiutati di sottoscrivere la nuova proposta contrattuale per il soccorso stradale meccanico proposta da ACI Global, considerata dai summenzionati centri delegati fortemente peggiorativa in termini di garanzie e opportunità rispetto alle precedenti condizioni contrattuali, ed hanno richiesto una proroga di tre mesi della precedente convenzione stipulata con ACI, richiesta che non è stata però accolta;
per quanto di conoscenza, il fallimento dei tentativi di mediazione avanzati dai rappresentanti dei centri delegati ACI ha quindi comportato l'interruzione a partire dal 1o gennaio 2015 di qualsiasi servizio di assistenza a favore di ACI Global su tutto il territorio nazionale, con inevitabili ripercussioni per quanto riguarda la sicurezza stradale degli utenti della circolazione stradale;
a partire dal mese di ottobre 2014, per effetto, dell'intervenuta disdetta dei precedenti accordi per tutta la rete italiana di soccorso, il servizio sino ad oggi reso dai centri delegati di assistenza ha subito una brusca interruzione, con preoccupanti ricadute non solo per le imprese interessate ma per la sicurezza della circolazione stradale di tutti gli utenti, rimasti improvvisamente privi di assistenza a causa della vertenza attualmente in corso;
solo per citare alcuni esempi, risulta all'interrogante che sarebbero attualmente privi del servizio di assistenza di soccorso stradale i tratti autostradali relativi alla A21 da Torino a Piacenza e l'A22 da Verona al confine di Stato, la tangenziale di Milano con un solo centro di assistenza operativo e il GRA di Roma, scoperto dal servizio di assistenza –:
se il Ministro sia al corrente dei fatti esposti in premessa e quali iniziative, per quanto di competenza, intenda mettere in atto al fine di arginare i rischi per la sicurezza della circolazione stradale derivanti dall'interruzione da parte dei centri delegati di qualsiasi servizio a favore di ACI Global e, allo stesso tempo, salvaguardare la natura di pubblica utilità del servizio di soccorso stradale. (5-04478)