• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/00687 è notizia dei giorni scorsi che nelle province di Como, Monza, Milano, Brescia, Bergamo e Vibo Valentia, i carabinieri del Gruppo di Monza hanno eseguito sequestri preventivi ritenuti collegati...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00687presentato daMOLTENI Nicolatesto diMartedì 4 giugno 2013, seduta n. 28

MOLTENI. — Al Ministro dell'interno . — Per sapere – premesso che:
è notizia dei giorni scorsi che nelle province di Como, Monza, Milano, Brescia, Bergamo e Vibo Valentia, i carabinieri del Gruppo di Monza hanno eseguito sequestri preventivi ritenuti collegati alla cosca della ’ndrangheta dei Mancuso, scaturiti nell'ambito di una maxi inchiesta denominata «Sunrise» e condotta dal Nucleo investigativo di Monza;
non si tratta di un episodio isolato, ma bensì l'ultimo di una lunga serie, tanto che come si evince dal recente studio di Transcrime dell'Università Cattolica di Milano, i clan investono a Como trenta volte di più di quanto facciano a Palermo;
il territorio di Como e provincia, zona di confine e di transito verso la Svizzera e dunque corridoio di passaggio di soldi provenienti da attività illecite, è più facilmente permeabile alle infiltrazioni malavitose e necessita pertanto di particolare attenzione;
la presenza di attività della criminalità organizzata nella zona mette a serio rischio l'economia comasca sana, ma anche particolarmente fragile in questo momento a causa della forte crisi economica in atto;
occorre dare una risposta urgente e decisa, dando segnale della presenza delle istituzioni nella lotta alla mafia e soprattutto incrementando le azioni di contrasto a tali fenomeni, proseguendo su quanto fatto dal Ministro dell'interno pro tempore Maroni, a cui si deve l'istituzione dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata per restituire gli stessi alla collettività più velocemente, il codice Antimafia e tutte le altre misure contenute nel pacchetto sicurezza;
tali misure avevano portato a risultati straordinari nella lotta alla mafia: da maggio 2008 a luglio 2011 (fonte Ministero dell'interno) 9.085 i mafiosi arrestati, di cui 32 latitanti di massima pericolosità, 470 latitanti totali tratti in arresto, per un totale di 818 operazioni di polizia giudiziaria, 55.087 beni sequestrati per un valore di 25,3 miliardi di euro, di cui 1 miliardo e 792 milioni destinati al Fondo unico di giustizia –:
se non ritenga opportuno convocare una riunione della Commissione antimafia a Como o nella zona del Lario, e se il Ministro sia a conoscenza dei fatti sopra esposti e quale sia la situazione attuale della zona;
quali misure o interventi urgenti il Ministro intenda predisporre per garantire un maggior controllo e monitoraggio della stessa, quali e quanti beni siano stati ad oggi sequestrati o confiscati e quanti assegnati per le prioritarie finalità istituzionali e sociali previste dalla legge ed infine quali iniziative intenda assumere per modificare l'attuale legge sul soggiorno obbligato onde evitare che la delinquenza organizzata di stampo mafioso o criminale possa diffondersi in luoghi dove è meno diffusa o addirittura assente, come invece purtroppo è accaduto nel passato con il soggiorno obbligato. (4-00687)