• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/07941 il settore meccanica-automotive rappresenta circa il 19-20 per cento del prodotto interno lordo dell'industria e in termini economici interessa circa 25-30.000 addetti con un fatturato tra 7-8...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-07941presentato daDI STEFANO Fabriziotesto diMercoledì 11 febbraio 2015, seduta n. 375

FABRIZIO DI STEFANO. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca . — Per sapere – premesso che:
il settore meccanica-automotive rappresenta circa il 19-20 per cento del prodotto interno lordo dell'industria e in termini economici interessa circa 25-30.000 addetti con un fatturato tra 7-8 miliardi di euro; i dati 2011 evidenziano che l'automotive-meccanica esprime comunque il 48 per cento delle esportazioni abruzzesi. Per l'Abruzzo l'automotive è un settore vitale e strategico in termini di prodotto interno lordo e occupazione; in provincia di Chieti circa il 20-25 per cento delle famiglie è direttamente interessato; il sistema automotive abruzzese è particolarmente specializzato nella produzione di veicoli commerciali e professionali leggeri (due/quattro ruote trasporto persone e merci). È opportuno segnalare che in Abruzzo è presente lo stabilimento più grande d'Europa per la produzione di veicoli commerciali leggeri (SEVEL con una capacita produttiva di 300.000 furgoni/anno e circa 6.200-6.500 addetti diretti e altri 4.500 nell'indotto in Abruzzo) e uno tra i più gradi stabilimenti d'Europa;
alla luce delle attività realizzate dai tavoli tecnici multi-regionali, istituiti dal Ministero dello sviluppo economico per la predisposizione delle prime ipotesi progettuali, la regione Abruzzo ha proposto la realizzazione dell'azione connessa nel settore «mobilita sostenibile», Campus Automotive ed altre iniziative afferenti al settore, che è stata ampiamente condivisa dalle regioni e dal Governo centrale;
nella programmazione 2007-13 la regione Abruzzo ha ritenuto indispensabile stimolare una maggiore competitività delle imprese sui mercati interni ed internazionali aumentando il contenuto tecnologico delle produzioni e promuovendo l'economia della conoscenza;
tra i settori; prioritari vi è l'automotive che costituisce «azione cardine» del PAR-FSC 2007/2013, Linea di azione I.1.1.a, e, per concentrazione di risorse, è l'azione più qualificante e identitaria dei fondi Fas; la realizzazione del CAMPUS nella zona industriale della Val di Sangro rappresenta un'iniziativa fortemente innovativa. L'iniziativa ha previsto la partecipazione di enti locali, imprese, parti sociali, sindacati e università;
con delibera n. 45 dell'8 febbraio 2010 la giunta regionale Abruzzo ha approvato il Master Plan degli interventi diretti alla ripresa produttiva della regione Abruzzo che prevede espressamente il finanziamento del programma Automotive tra le azioni connesse e le risorse totali destinate alla linea ammontano a 33.265.000 euro, a valere su risorse FAS;
in data 2 agosto 2013 è stato sottoscritto l'accordo di programma quadro (APQ) tra il Ministero dello sviluppo economico, il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca e la regione Abruzzo;
dalla data 31 ottobre 2013 il progetto è soggetto a monitoraggio bimestrale dal dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del Ministero dello sviluppo economico;
nel documento «Strategia per le Specializzazioni Intelligenti» FESR 2014-2020 allegato alla D.G. n. 473 del 15 luglio 2014 e trasmesso alla Commissione europea si ribadisce come il polo industriale automotive di Val di Sangro si candidava ad essere capofila a livello nazionale;
nella D.G. n. 67 del 3 febbraio 2015 si ravvede la «necessità di modificare l'Accordo di Programma Quadro» l'azione connessa automotive e in particolare nel dispositivo si propone una rimodulazione delle risorse, senza aver interessato le parti sociali, per bandi per sviluppo locale rinviando l'attuazione del Campus alla prossima programmazione;
alla D.G. n. 67 del 3 febbraio 2015 sono allegati verbali di riunioni ufficiali in nessuna delle quali risultano essere presenti rappresentanze ministeriali –:
se la rimodulazione dell'accordo di programma quadro per l'attuazione della linea di azione I.1.1. sia stata concordata con i Ministeri interessati e quali siano gli eventuali termini della rimodulazione che non trovano nessuna definizione nella delibera di giunta. (4-07941)