• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02844-A/003 in sede di conversione in legge del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 3 recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti; il decreto in parola prevede, all'articolo 4,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02844-A/003presentato daBARBANTI Sebastianotesto diMercoledì 11 marzo 2015, seduta n. 389

La Camera,
in sede di conversione in legge del decreto-legge 24 gennaio 2015, n. 3 recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti;
il decreto in parola prevede, all'articolo 4, l'introduzione della categoria di piccola e media impresa innovativa, ed estende a tali imprese le misure previste a favore delle startup innovative;
considerato che:
il provvedimento richiama il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 convertito con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221 «Ulteriori misure urgenti per la crescita del paese» in merito alla nuova imprenditorialità e l'occupazione giovanile, coerentemente con quanto individuato nel programma nazionale di riforma 2012, pubblicato in allegato al Documento di Economia e finanza (DEF) del 2012 e con le raccomandazioni e gli orientamenti formulati dal Consiglio dei Ministri dell'Unione Europea;
il Manuale delle norme comunitarie in materia di aiuti di Stato a favore delle Piccole e Medie imprese definisce l’«intensità dell'aiuto» «l'importo dell'aiuto espresso in percentuale rispetto ai costi ammissibili», evidenziando come l'intensità di aiuto sia generalmente modulata in funzione del tipo e del grado di raggiungimento di un obiettivo predefinito;
e tipico è il caso dell'intensità di aiuto crescente in funzione del superamento di soglie predeterminate di parametri occupazionali;
è necessario promuovere crescita ed occupazione «di qualità» in Piccole e Medie Imprese con alto potenziale di sviluppo e risorse umane, soprattutto giovani, fortemente scolarizzate con un inserimento nel mondo del lavoro almeno «a tutele crescenti»;
è fondamentale correlare l'intensità alla qualità in termini di tutele per i lavoratori, contrastare la precarietà e redistribuire equamente le tutele dell'impiego rendendo più premiante instaurare rapporti di lavoro più stabili,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di individuare criteri che rapportino un limite di ammissibilità dei costi lordi del personale per soci ed amministratori con quello dei costi del personale sostenuti per i lavoratori con contratto a tempo indeterminato.
9/2844-A/3. (Testo modificato nel corso della seduta) Barbanti.