• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/08395 sempre più spesso, nel corso degli eventi bellici che devastano popoli e nazioni si verificano attacchi al patrimonio storico ed artistico; nel corso di questi attacchi siti...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-08395presentato daRAMPI Robertotesto diGiovedì 12 marzo 2015, seduta n. 390

RAMPI, SCANU, AMENDOLA, COSCIA, MANZI, MALISANI, ASCANI, RACITI, QUARTAPELLE PROCOPIO, MAURI, NARDUOLO, GHIZZONI, VERINI e GIORGIS. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della difesa, al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo . — Per sapere – premesso che:
sempre più spesso, nel corso degli eventi bellici che devastano popoli e nazioni si verificano attacchi al patrimonio storico ed artistico;
nel corso di questi attacchi siti archeologici e musei vengono distrutti in maniera sistematica o depredati di pezzi importanti vengono destinati al traffico illecito del mercato clandestino di opere arte, nei cui proventi il terrorismo di matrice internazionale trova un'importante fonte di autofinanziamento;
l'Unesco, ha ripetutamente rivolto i propri appelli alla Corte penale internazionale (Cpi) dell'Aia dopo la distruzione da parte dell'Isis di reperti archeologici di inestimabile valore, gli ultimi dei quali nella zona di Mosul in Iraq hanno suscitato una ondata di indignazione nel mondo intero, denunciando come queste devastazioni siano una forma di pulizia culturale e una distruzione illecita del patrimonio che colpisce le identità delle diverse comunità, nonché una strategia del terrore per destabilizzare e manipolare le popolazioni;
anche il Segretario generale delle Nazioni Unite, Unite Ban Ki-moon, che ha definito le azioni dei jihadisti contro il patrimonio storico-artistico come un «crimine di guerra» ha esortato la comunità internazionale ad intervenire per mettere fine alle azioni mirate a distruggere il patrimonio artistico e archeologico;
negli ultimi giorni i miliziani dell'Is hanno dato alle fiamme circa diecimila libri antichi della città di Mosul, distrutto le statue conservate nel museo di Mosul e le città archeologiche di Nimrud e Hatra senza che nessuno abbia reagito, ed altri episodi si segnalano in Iraq, Siria, con rischi anche per la Libia;
le nostre Forze armate hanno maturato, nel corso dell'ultradecennale esperienza nelle missioni internazionali di pace e di stabilizzazione, un'indiscussa esperienza e una non comune capacità di interoperabilità nelle strutture sociali e organizzative dei Paesi in conflitto;
il Multinational Civil Military Cooperation Group (CIMIC), reparto multinazionale della NATO a guida italiana, è specializzato nella proiezione di unità di specialisti nel soccorso e nella ricostruzione di aree sconvolte da conflitti e che presiede all'interazione tra le forze militari e le componenti civili presenti nelle aree di crisi;
le Forze armate italiane, e l'Arma dei carabinieri in particolare, annoverano tra le proprie file unità altamente specializzate alla tutela dei beni artistici e culturale ed al contrasto del traffico illecito di opere arte;
numerose sono le missioni archeologiche italiane che sono intervenute e intervengono in aree colpite dalle guerre, che stanno formando le strutture di quei Paesi nella tutela dei beni culturali, che sono in grado di dare supporto ad interventi mirati di messa insicurezza, tutela, e di lotta al traffico illecito di reperti e beni artistici –:
quali azioni il Governo italiano possa e intenda intraprendere a tutela di questo patrimonio dell'umanità;
se intenda prevedere, già nel prossimo provvedimento di proroga delle missioni internazionali di pace, la presenza, nell'ambito del contingente italiano e del CIMIC group in particolare, di operatori dei reparti specializzati per la tutela dei bei artistici e culturali, anche appartenenti alle forze di polizia ad ordinamento civile, al fine di porre in essere ogni utile azione – in stretta cooperazione con le autorità civili dei Paesi di intervento – per garantire, come chiesto dall'ONU e dall'UNESCO, la messa in sicurezza dei beni storici, culturali, artistici ed archeologici messi a repentaglio dalla furia distruttrice dell'Is e per contrastare il consistente traffico illecito di opere d'arte diretto a finanziarie le attività terroristiche di matrice internazionale;
se intenda valutare se sussistano i presupposti per favorire – nell'ambito dei decreti legislativi correttivi discendenti dalla legge 244 del 2012, recante la revisione dello strumento militare nazionale – la costituzione – all'interno delle Forze armate di complessi minori specializzati nella protezione e messa in sicurezza dei beni culturali, storici, artistici ed archeologici presenti nei territori di intervento delle Forze armate nelle missioni internazionali di pace e di stabilizzazione.
(4-08395)