Proposta di modifica n. 3.2 ai ddl C.2247 , C.2248 in riferimento all'articolo 3.

testo emendamento del 15/10/14

  Al comma 3, sostituire il capoverso Art. 648-ter.1 con il seguente:

«Art. 648-ter.1.
(Autoriciclaggio).

  Chiunque impiega i proventi di un delitto non colposo in attività economiche o finanziarie, ovvero li impiega con finalità speculative, è punito con la reclusione da due a otto anni e con la multa da euro 5.000 ad euro 50.000, se dal fatto deriva nocumento alla libera concorrenza, alla trasparenza e all'andamento dei mercati.
  Se i proventi derivano da un delitto doloso per il quale è stabilita la pena della reclusione nel massimo fino a cinque anni, si applica la pena della reclusione fino a quattro anni.
  La pena è aumentata se il fatto è commesso nell'esercizio di un'attività professionale, bancaria o finanziaria.
  La pena è diminuita nell'ipotesi di cui al secondo comma dell'articolo 648.
  Si applica in ogni caso l'ultimo comma dell'articolo 648».