Articolo aggiuntivo n. 3.0.112 al ddl S.1504 in riferimento all'articolo 3.
  • status: Respinto

testo emendamento del 10/03/15

Dopo l'articolo 3, aggiungere il seguente:

«Art. 3-bis.

(Modifica dell'articolo 709-ter del codice di procedura civile)

        1. L'articolo 709-ter del codice di procedura civile è sostituito dal seguente:

        "Art. 709-ter. - (Soluzione delle controversie e provvedimenti in caso di inadempienze o violazioni). - Per la soluzione delle controversie insorte tra i genitori in ordine all'esercizio della potestà genitoriale O delle modalità dell'affidamento è competente il giudice del procedimento in corso. Per i procedimenti di cui all'articolo 710 è competente il tribunale del luogo di residenza del minore.

        A seguito del ricorso, il giudice convoca le parti e adotta i provvedimenti opportuni. In caso di gravi inadempienze o di atti che comunque arrechino pregiudizio al minore od ostacolino il corretto svolgimento delle modalità dell'affidamento, nonché in caso di astensione ingiustificata dai compiti di cura di un genitore e comunque in ogni caso ove riscontri accuse di abusi e violenze fisiche e 'psicologiche evidentemente false e infondate mosse contro uno dei genitori, il giudice emette prioritariamente provvedimenti di ripristino, restituzione o compensazione.

        Il giudice può inoltre sempre modificare i provvedimenti in vigore e può, anche congiuntamente:

            1) disporre il risarcimento dei danni., a carico di uno dei genitori« nei confronti del minore;

            2) disporre il risarcimento dei danni. a carico di uno dei genitori, nei confronti dell'altro;

            3) condannare il genitore inadempiente al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria, da un minimo di 500 a un massimo di 5.000 euro a favore della Cassa delle ammende. I provvedimenti assunti dal giudice del procedimento sono impugnabili nei modi ordinari».