Sub Emendamento n. 0.27-quinquies.5.1 al ddl C.3444 in riferimento all'articolo 27-quinquies.

testo emendamento del 14/12/15

  Dopo il capoverso comma 260-bis, inserire il seguente:
  260-ter. Al fine assicurare la continuità dell'attività di vigilanza ittico-venatoria su tutto il territorio nazionale, tutte le Regioni, ad eccezione di quelle a statuto speciale, dovranno creare un Servizio di Vigilanza Regionale ittico-venatorio assumendo, per mobilità volontaria, tutto il personale delle Polizie Provinciali interessato a partecipare alla procedura di mobilità, in maniera che siano le regioni stesse, per tramite di proprio personale, a svolgere, garantire e gestire l'attività vigilanza sulle materie di competenza (Caccia e Pesca). Entro il 28 febbraio 2016 le Regioni dovranno provvedere a rendere operativo il proprio Servizio di Vigilanza Regionale ittico-venatorio, assumendo il personale delle Polizie Provinciali che ha manifestato l'interesse alla mobilità e decentrando, sul territorio di ogni provincia, il medesimo personale che dapprima apparteneva alla Polizia Provinciale di stanza in quella specifica area. Le Regioni avranno cura di operare una ricognizione del personale interessato alla procedura di mobilità. Il personale oggetto della ricollocazione nei ruoli del Servizio Regionale di Vigilanza ittico-venatoria sarà esclusivamente quello che, alla data di approvazione del presente testo di legge, risulta appartenente al Corpi o Servizi di Polizia Provinciale (sia coloro inquadrati con profilo di vigilanza, sia quelli con profilo amministrativo). Al personale con profilo di vigilanza viene conferita, a norma degli articoli 55 e 57 del c.p.p. la funzione di Agenti di Polizia Giudiziaria per quanto attiene la materia ittica e quella venatoria, in maniera da permettere agli stessi anche la regolare attività di accertamento in ambito penale.