Sub Emendamento n. 3.2002/2 dell'emendamento 3.2002 al ddl S.2630 in riferimento all'articolo 3.

testo emendamento del 15/02/17

sharingList();

All'emendamento 3.2002, dopo il comma 3-ter, aggiungere i seguenti:

        «3-quater. Nel decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, dopo l'articolo 71 è inserito il seguente:

        ''Art. 71-bis.

(Istituzione della carriera dei funzionari

nelle agenzie fiscali)

        1. Alla scapo di potenziare l'operatività delle agenzie fiscali è istituita nell'Agenzia delle entrate e in quella delle dogane e dei monapoli la carriera dei funzionari. Essa è costituita da un insieme di funzioni che hanno carattere unitario, richiedendo il possesso di specifiche competenze tecniche attestate dal superamento di un apposito concorso pubblico di accesso alla carriera stessa. Il percorso esperienziale che caratterizza la carriera si estrinseca nell'assunziane di compiti progressivamente più impegnativi per rilevanza e respansabilità.

        2. La carriera di cui al camma 1 si articola nelle qualifiche di funzionario dirigente. In relazione alle proprie specificità ciascuna agenzia definisce gli ambiti di competenza delle due qualifiche, attenendosi ai seguenti criteri:

            a) limitare, anche ai fini del contenimento della spesa, i posti di organico della qualifica di funzionario dirigente esclusivamente alle attribuzioni di maggiore rilevanza e di più elevata responsabilità professionale e gestionale;

            b) individuare, con riguardo alla qualifica di funzionario direttivo, posizioni correlate a:

                1) ruoli di professional, caratterizzati in modo prevalente dalla padronanza di competenze specialistiche finalizzate all'adozione di atti di particolare rilievo per la complessità e delicatezza delle determinazioni da assumere e per gli effetti destinati a produrre;

                2) ruoli manageriali, caratterizzati in modo prevalente dell'esercizio di competenze organizzative finalizzate alla gestione di risorse umane di significativa entità.

        3. In coerenza con l'autonomia riconosciuta alle agenzie fiscali in ragione dell'elevato grado di misurabilità della loro performance, le agenzie stesse disciplinano nei regolamenti di amministrazione un'apposita procedura selettiva volta a valutare, sulla base delle capacità tecniche e gestionali concretamente dimostrate dai funzionari direttivi nel corsa del servizio, il possesso delle qualità e attitudini necessarie ad assicurare un'adeguata copertura dei posti di funzionario dirigente. La procedura selettiva s'ispira a criteri di trasparenza, efficacia ed efficienza, sulla scorta anche delle migliori pratiche utilizzate nelle amministrazioni fiscali estere più importanti. Alla procedura selettiva sovrintendono commissioni di valutazione presiedute da magistrati ordinari, amministrativi o contabili e composte, pariteticamente, da dirigenti di vertice delle agenzie e da esperti; anche estranei alla pubblica amministrazione, con specifica qualificazione e comprovata esperienza nelle materie dell'organizzazione e del lavoro pubblico; le valutazioni espresse dalle commissioni sona rese pubbliche.

        4. Le posizioni di cui al comma 2, lettera b), sono attribuite, con incarichi temporalmente definiti e soggetti a valutazione della performance, a funzionari direttivi con un'esperienza di servizio nella carriera di almeno cinque anni, sulla base di apposite procedure selettive che si conformano a criteri oggettivi e trasparenti di valarizzazione delle capacità e del merito.

        5. Per esigenze speciali connesse all'acquisizione di particalari professionalità continuano ad applicarsi le disposizioni di cui all'articolo 19, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

        3-quinques. In attesa di apposita disciplina contrattuale la transizione l'ordinamento della carriera dei funzionari di cui all'articolo 71-bis del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, come introdotto dall'articolo del presente decreto-legge, è regolata dalle seguenti disposizioni:

            a) ciascuna agenzia provvede a inquadrare nella qualifica di funzionario dirigente e in quella di funzionario direttivo, rispettivamente, il personale dirigente e quello della terza area;

            b) l'organico e l'onere finanziario dei posti di funzionario dirigente sono determinati in misura tale che:

                1) per ogni agenzia il numero e il costo delle posizioni di vertice non devono superare, rispettivamente, l'organico e il costo delle attuali posizioni dirigenziali di livello -generale;

                2) il numero e il costo delle posizioni dipendenti da quelle di vertice devono essere inferiori di almeno il 50 per cento, per l'Agenzia delle entrate, e di almeno l'... per cento, per l'Agenzia delle dogane e dei monopoli, l'organico e al costo delle attuali posizioni dirigenziali di livello non generale. Il fondo per il trattamento accessorio del personale dirigente è ridotto in proporzione ai posti dirigenziali soppressi a seguito del riassetto previsto dalla presente lettera;

            c) il numero delle posizioni professionali e manageriali di cui all'articolo 7l-bis, comma 2, lettera b), del decreto legislativo n. 300 del 1999 è determinato, per ciascuna agenzia, nel limite massimo dato dal totale delle:

                1) posizioni dirigenziali di livello non generale effettivamente soppresse in esito all'individuazione dei posti di funzionario dirigente di cui alla lettera b);

                2) posizioni organizzative previste dall'articolo 23-quinquies, comma l, lettera a), punto 2, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, il cui assetto deve essere rivisto in coerenza con i criteri di individuazione delle predette posizioni professionali e manageriali, rideterminandone conseguentemente il trattamento retributivo ai sensi della lettera d);

            d) ai funzionari preposti alle posizioni professionali e manageriali di cui all'articolo 7l-bis, comma 2, lettera b), del decreto legislativo n. 300 del 1999 è attribuita un'indennità di funzione graduata secondo il livello di rilevanza e respansabilità ricoperto, in misura non superiore al 50 per cento del trattamento economico spettante, al netto della retribuzione di risultato, al funzionario dirigente di livello retributivo più basso; in relazione alla corresponsione dell'indennità di funzione non sono più erogati i compensi per lavoro straordinario, nonché le altre voci del trattamento economico accessorio a carico del fondo, esclusa l'indennità di agenzia; è corrisposta inoltre, in caso di valutazione positiva, un'indennità di risultato non superiore al 20 per cento dell'indennità di funzione. Al finanziamento dell'onere relativo ai predetti incarichi si provvede nei limiti: l) delle economie derivanti dal riassetto di cui alla lettera b), riducendo comunque la spesa complessiva di un importo pari ad almeno il 10 per cento dell'onere connesso all'attuale dotazione organica di livello dirigenziale non generale; 2) delle risorse previste dall'articolo 23-quinquies, comma l, lettera a), punto 2, secondo periodo, del decreto-legge n. 95 del 2012. In sede di prima applicazione l'esperienza di servizio richiesta per la partecipazione alla procedura selettiva per la copertura delle predette posizioni professionali e manageriali s'intende maturata nella terza area;

            e) i concorsi per dirigente in atto nelle agenzie fiscali per i quali si è già proceduto allo svolgimento delle prove di esame o sono state comunque avviate le operazioni di valutazione dei candidati sono portati a conclusione. I vincitori sono inquadrati nella qualifIca di funzionario dirigente della carriera dei funzionari;

            f) per quanto non specificatamente previsto dal presente articolo si applicano ai funzionari direttivi e ai funzionari dirigenti, in quanto compatibili, le disposizioni vigenti, rispettivamente, per il personale della terza area e per quello dirigente.

            3-sexies. All'articolo 71, comma 3, del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, il punto virgola finale alla lettera c) è sostituito da un punto ed è soppressa la lettera d)''».