Articolo aggiuntivo n. 1.01 ai ddl C.2023 , C.2058 , C.3480 , C.4144 in riferimento all'articolo 1.
  • status: Approvato

testo emendamento del 08/03/17

  Dopo l'articolo 1 inserire il seguente:

Art. 1-bis.
(Modifiche agli articoli 3 e 4 della legge n. 394 del 1991).

  1. L'articolo 3 della legge 6 dicembre 1991, n. 394 è soppresso.
  2. L'articolo 4 della legge 6 dicembre 1991, n. 394 è sostituito dal seguente:

«Art. 4.
(Piano nazionale triennale per le aree naturali protette).

  1. Il sistema nazionale delle aree naturali protette è costituito dalle aree naturali protette di cui all'articolo 2 della presente legge.
  2. Il Piano nazionale triennale di sistema per le aree naturali protette, di seguito denominato «piano di sistema» sulla base delle disponibilità finanziarie a legislazione vigente:
   a) individua il sistema nazionale delle aree protette, terrestri e marine, di rilievo internazionale, nazionale e regionale;
   b) definisce linee strategiche, obiettivi, finalità, programmi operativi e progetti coerenti con le politiche di mitigazione e di adattamento al cambiamento climatico per le aree naturali protette e con l'implementazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati in sede internazionale e contenuti nell'Agenda globale per lo sviluppo sostenibile 2030, approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 15 ottobre 2015 nonché l'attuazione della Strategia Nazionale delle Green Communities di cui all'articolo 72 della legge n. 221 del 2015;
   c) individua le risorse finanziarie, a legislazione vigente, i criteri e le modalità per la realizzazione dei programmi, progetti ed obiettivi di cui alla lettera b) provenienti anche dall'Unione Europea e da altri contributi nazionali, regionali e internazionali riservando almeno il 50 per cento delle risorse complessive alle aree protette regionali e alle aree marine protette;
   d) individua i criteri, le strategie e i programmi, con particolare riferimento al settore dell'informazione e dell'educazione allo sviluppo sostenibile integrale, a cui si uniformano lo stato, le regioni e gli organismi di gestione delle aree protette nell'attuazione del piano per quanto di loro competenza.

  3. Le regioni cofinanziano con proprie risorse il piano di sistema, secondo modalità e criteri oggetto di accordi ed intese con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.
  4. Proposte relative al piano possono essere presentate al Comitato di cui all'articolo 33 da ciascun componente dello stesso e da altri soggetti pubblici. Il supporto scientifico del piano è assicurato dall'Ispra, che partecipa al Comitato nei modi indicati dall'articolo 33 della presente legge.
  5. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge il Ministro dell'ambiente presenta la proposta di piano al Comitato il quale delibera entro i successivi quattro mesi. Decorso tale termine il piano è approvato comunque con decreto del ministro dell'ambiente, il piano ha durata triennale ed è aggiornato annualmente.
  6. Per il finanziamento del piano 2018-2020 è autorizzata la spesa di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni del triennio.
  7. All'onere di cui al comma 6, pari a 10 milioni di euro annui per ciascun anno 2018, 2019 e 2020, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2018-2020, nell'ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2018, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al medesimo Ministero».

  Conseguentemente all'articolo 18 apportare le seguenti modifiche:
   al comma 1, capoverso Art. 33, comma 2, lettera a) sostituire le parole: il programma per le aree naturali protette con le seguenti: il piano di sistema;
   al comma 1, capoverso Art. 33, comma 3, primo periodo, dopo le parole: da un rappresentante del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, inserire le seguenti: e del Ministero dei beni e delle Attività culturali e del Turismo.

nuova formulazione del 08/03/17

  Dopo l'articolo 1 inserire il seguente:

Art. 1-bis.
(Modifiche agli articoli 3 e 4 della legge n. 394 del 1991).

  1. L'articolo 3 della legge 6 dicembre 1991, n. 394 è soppresso.
  2. L'articolo 4 della legge 6 dicembre 1991, n. 394 è sostituito dal seguente:

«Art. 4.
(Piano nazionale triennale per le aree naturali protette).

  1. Il sistema nazionale delle aree naturali protette è costituito dalle aree naturali protette di cui all'articolo 2 della presente legge.
  2. Il Piano nazionale triennale di sistema per le aree naturali protette, di seguito denominato «piano di sistema» sulla base delle disponibilità finanziarie a legislazione vigente:
   a) individua il sistema nazionale delle aree protette, terrestri e marine;
   b) definisce linee strategiche, finalità, programmi operativi, progetti coerenti con le politiche di mitigazione e di adattamento al cambiamento climatico per le aree naturali protette e con l'implementazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati in sede internazionale e contenuti nell'Agenda globale per lo sviluppo sostenibile 2030, nonché l'attuazione per quanto di competenza della Strategia Nazionale delle Green Communities di cui all'articolo 72 della legge n. 221 del 2015;
   c) indica le risorse finanziarie, a legislazione vigente, i criteri e le modalità per la realizzazione dei programmi, progetti di cui alla lettera b) provenienti anche dall'Unione Europea e da altri contributi nazionali, regionali e internazionali riservando almeno il 50 per cento delle risorse complessive alle aree protette regionali e alle aree marine protette;
   d) individua i criteri, le strategie e i programmi, con particolare riferimento al settore dell'informazione e dell'educazione allo sviluppo sostenibile integrale, a cui si uniformano lo stato, le regioni e gli organismi di gestione delle aree protette nell'attuazione del piano per quanto di loro competenza.

  3. Le regioni cofinanziano con proprie risorse il piano di sistema, secondo modalità e criteri oggetto di accordi ed intese con il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare.
  4. Proposte relative al piano possono essere presentate al Comitato di cui all'articolo 33 da ciascun componente dello stesso.
  5. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge il Ministro dell'ambiente presenta la proposta di piano al Comitato il quale delibera entro i successivi quattro mesi. Decorso tale termine il piano è approvato comunque con decreto del ministro dell'ambiente, il piano ha durata triennale ed è aggiornato annualmente.
  6. Per il finanziamento del piano 2018-2020 è autorizzata la spesa di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni del triennio.
  7. All'onere di cui al comma 6, pari a 10 milioni di euro annui per gli anni 2018, 2019 e 2020, si provvede mediante corrispondente riduzione delle proiezioni dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2017-2019, nell'ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2017, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al medesimo Ministero».

  Conseguentemente all'articolo 18 apportare le seguenti modifiche:
   al comma 1, capoverso Art. 33, comma 2, lettera a) sostituire le parole: il programma per le aree naturali protette con le seguenti: il piano di sistema;
   al comma 1, capoverso Art. 33, comma 3, primo periodo, dopo le parole: da un rappresentante del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, inserire le seguenti: e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.