Proposta di modifica n. 47.6 al ddl C.4444 in riferimento all'articolo 47.
  • presentato il 15/05/2017 in V Bilancio e Tesoro della Camera da Marco CAUSI (PD)

testo emendamento del 15/05/17

  Dopo il comma 5, inserire i seguenti:
  5-bis. Al fine di garantire il corretto espletamento delle necessarie ed indifferibili attività dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie, essenziali per garantire un adeguato presidio della sicurezza ferroviaria anche a seguito dell'estensione dell'ambito di competenza alle reti ferroviarie regionali ed agli operatori ferroviari operanti sulle stesse, derivante dal decreto ministeriale 5 agosto 2016, attuativo del decreto legislativo 15 luglio 2015, n. 112, nonché per gestire le significative modifiche all'attuale quadro regolatorio in materia di sicurezza e interoperabilità ferroviaria derivanti dal cosiddetto «IV pacchetto ferroviario», la citata Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie è autorizzata, in deroga alla normativa vigente, all'assunzione tramite concorso pubblico di 30 unità complessive di personale a decorrere dal 2018, da inquadrare nel livello iniziale di ciascuna categoria/area, fermo restando le unità di personale previste dal piano triennale di fabbisogno del personale 2016-2018.
  5-ter. Per le finalità di cui al presente articolo a decorrere dal 2018 l'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie è autorizzata all'assunzione di n. 16 funzionari e n. 14 collaboratori, tenuto conto di quanto previsto all'articolo 4, comma 3 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, in deroga a quanto previsto all'articolo 30 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e all'articolo 4 comma 3-quinquies del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, in relazione alle specifiche professionalità necessarie per garantire il presidio della sicurezza ferroviaria.
  5-quater. All'onere derivante dall'attuazione dei precedente comma, valutato in 1,4 milioni di euro annui, a decorrere dal 2018, si provvede nei limiti delle risorse disponibili nel bilancio dell'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie.