Articolo aggiuntivo n. 8.0.100 al ddl S.1641 in riferimento all'articolo 8.
  • status: Respinto

testo emendamento del 23/05/17

sharingList();

Dopo l'articolo, aggiungere il seguente:

«Art. 8-bis.

(Piano di settore per l'agrumicoltura)

        1. In relazione alla necessità di fronteggiare la crisi del settore agrumicolo, il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali approva, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con proprio decreto, previo accordo raggiunto, ai sensi dell'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, nell'ambito della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, il piano di settore per l'agrumicoltura, in attuazione dei seguenti indirizzi:

            a) diffondere le buone pratiche colturali e l'innovazione tecnologica, anche nel campo dell'irrigazione;

            b) rafforzare le politiche di filiera e l'integrazione con il comparto della trasformazione;

            c) incrementare e incentivare l'organizzazione dei produttori;

            d) migliorare le procedure di tracciabilità del prodotto e i relativi controlli;

            e) implementare politiche per la qualità certificata del prodotto, anche con l'istituzione di specifici marchi territoriali;

            f) salvaguardare gli agrumeti localizzati in zone di particolare rischio idrogeologico;

            g) promuovere i consumi del prodotto fresco e trasformato, in particolare nelle istituzioni scolastiche;

            h) valorizzare i sotto prodotti degli agrumi, anche nella filiera agroenergetica;

            i) combattere efficacemente le fitopatologie, potenziando la ricerca e gli interventi di contrasto;

            l) promuovere la formazione di figure professionali adeguate per supportare l'aggiornamento degli imprenditori agricoli del settore.

        2. Agli interventi di attuazione del piano di settore di cui al comma 1 è riservata una specifica dotazione finanziaria, pari a 3 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020, nell'ambito del bilancio di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che provvede alla ripartizione annuale delle risorse, con apposito decreto, acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Ai relativi oneri, pari a 3 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020, si provvede si provvede mediante le maggiori entrate derivanti dalle disposizioni di cui al comma 3.

        3. A decorrere dal 1º gennaio 2018, al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, sono apportate le seguenti modificazioni:

            a) al numero 13) della Tabella A, parte II, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ", ad eccezione dell'olio di palma e dell'olio di palmisto;";

            b) al numero 50) della Tabella A, parte III, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ", ad eccezione dell'olio di palma e dell'olio di palmisto;";

            c) al numero 51) della Tabella A, parte III, sono soppresse le parole: "oli e grassi animali o vegetali parzialmente o totalmente idrogenati e".

        4. Il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio».

        Conseguentemente, al titolo del disegno di legge aggiungere, in fine, le seguenti parole: «e per fronteggiare la crisi del settore agrumicolo».