Articolo aggiuntivo n. 2.02 ai ddl C.666 , C.184 , C.267 , C.230 , C.742 , C.1029 , C.1200 , C.2289 , C.4002 , C.4188 in riferimento all'articolo 2.
  • status: Inammissibile

testo emendamento del 26/10/17

  Dopo l'articolo 2 aggiungere il seguente:

Art. 2-bis.

  1. All'articolo 149 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, sono aggiunti in fine i seguenti commi:
  13-bis. Per agevolare l'economia locale, il senso di comunità, il supporto alle famiglie e lo sviluppo della solidarietà reciproca, gli enti locali hanno la facoltà di integrare nei propri bilanci buoni passivi e attivi rappresentati da buoni locali emessi da associazioni senza scopo di lucro. L'accettazione da parte dell'ente locale può avvenire per una percentuale, da definire in sede di approvazione del bilancio di previsione, per servizi a domanda individuale, per canoni di utilizzazione del patrimonio comunale e per ogni altro servizio a pagamento che il comune può definire nell'ambito della propria autonomia gestionale e finanziaria. Gli enti locali possono utilizzare i buoni in loro possesso per ogni attività che ritengono idonea agli scopi di cui al presente comma.
  13-ter. A tutela dell'equilibrio di bilancio dell'ente locale, l'integrazione nei bilanci dei buoni locali è subordinata alla previa emanazione da parte dell'ente di un apposito regolamento che fissa il limite di disponibilità annuale per l'accettazione dei buoni. Il regolamento è soggetto al controllo della Corte dei conti, ed è trasmesso dall'ente locale ai sensi dell'articolo 1, commi 166 e seguenti, della legge 23 dicembre 2005. n. 266, e successive modificazioni.