Articolo aggiuntivo n. 3.0.7 al ddl S.2942 in riferimento all'articolo 3.
  • status: Respinto

testo emendamento del 09/11/17

sharingList();

RESPINTO

Dopo l'articolo, inserire il seguente:

«Art. 3-bis.

        Al decreto del Presidente della Repubblica del 29 settembre 1973, n. 600, dopo l'articolo 25-quater è inserito il seguente:

''Art. 25-quinquies.

(Ritenuta sui redditi delle imprese che operano con il regime Iva di cui all'articolo 17-ter del DPR 633/1972)

        1. I soggetti indicati nei commi 1 e 1-bis dell'articolo l7-ter del DPR 26 ottobre 1972 n. 633 devono operare, all'atto del pagamento, sui corrispettivi per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuati a loro favore da soggetti che operano nell'esercizio di impresa, una ritenuta del 2 per cento a titolo di acconto delle imposte sui redditi dovuta dai percipienti, con l'obbligo di rivalsa.

        2. Le disposizioni di cui al comma 1 hanno effetto a decorrere dal 1º gennaio 2018 e si applicano alle operazioni per le quali è emessa fattura a partire dalla medesima data.

        3. Gli introiti derivanti dal presente articolo sono destinati a incrementare il livello del finanziamento del Servizio sanitario nazionale al quale concorre ordinariamente lo Stato, a partire dall'anno 2018, di 600 milioni di euro base annua.

        4. A decorrere dal 1º gennaio 2018, sono abrogate le disposizioni cui all'articolo 1, comma 796, lettere p) e p-bis), della legge 27 dicembre 2006, n. 296 relativamente alle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale per i non esenti nonché le disposizioni di cui articolo 17 comma 6, ultimo periodo, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111.

        5. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono tenute a sopprimere la quota fissa sulla ricetta di 10 euro di cui all'articolo 1, comma 796, lettera p), della legge 27 dicembre 2006, n. 296, o ogni altra forma di compartecipazione al costo delle prestazioni adottata in luogo della quota, fissa sulla ricetta ai sensi della normativa vigente''».